• warning: stristr(): Empty delimiter in /var/www/clients/client1/web1/web/vis/includes/common.inc(1743) : eval()'d code on line 38.
  • warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/clients/client1/web1/web/vis/includes/common.inc(1743) : eval()'d code on line 22.
  • warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/clients/client1/web1/web/vis/includes/common.inc(1743) : eval()'d code on line 22.

Diritti umani in Eritrea: Bandite le mutilazioni genitali femminili, l'opinione dei giovani

  • Sharebar
eritrea

Le mutilazioni genitali femminili sono state bandite oggi dalla legge eritrea che ora le definisce un reato punibile con sanzioni pecuniarie o la prigione per chi le pratica sulle bambine.

“La circoncisione femminile è una procedura che mette seriamente in pericolo la salute delle donne, causa loro una considerevole sofferenza oltre a minacciare le loro vite” si legge in un comunicato del governo diffuso oggi, in cui si precisa che “chiunque richieda, inciti o promuova la circoncisione femminile” sarà punibile con multe di alcune centinaia di dollari fino a una pena detentiva di 10 anni.

Il provvedimento “rispecchia la ormai acquisita consapevolezza del problema da parte delle autorità e come organizzazione che da quasi dieci anni si impegna a informare i giovani dei danni di questa pratica tradizionale non possiamo che appoggiare questa decisione” dice alla MISNA, Osman Idriss Gelaidos responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali dell’Unione Nazionale della Gioventù e degli Studenti Eritrei (National Union of Eritrean Youth and Students - Nuyes), associazione che riunisce 200.000 giovani di età compresa tra i 14 e i 40 anni.

Secondo dati ufficiali, il 90% delle donne eritree ha subito mutilazioni genitali: una pratica che ha spesso tra le sue conseguenze mediche infezioni croniche, danni all’apparato urinario e un accresciuto rischio per madre e bambino al momento del parto, oltre a provocare un profondo trauma psicologico alle bambine che solitamente lo subiscono all’età di 5-6 anni. “Una delle nostre attività - continua da Asmara l’interlocutore, un giovane eritreo di non ancora 30 anni - è di fare informazione nei luoghi di aggregazione giovanile, così che quando i giovani saranno genitori avranno tutte le conoscenze per essere consapevoli e fare la scelta più giusta per le loro figlie”.

Gli sforzi della Nuyes e di altre associazioni eritree stanno dando dei risultati: “Sta crescendo il numero delle giovani coppie che sono contrarie alla circoncisione femminile” dice Gelaidos riferendosi a riscontri del censimento statistico del 2002 sulla salute del paese promosso dal Ministero della Salute. “Tra le giovani generazioni - conclude Gelaidos - si fa strada l’opinione che la circoncisione femminile non è semplicemente una ‘pratica tradizionale’ bensì una ‘pratica tradizionale dannosa’.

Ma la strada verso il cambiamento culturale di un’intera società richiede tempo e tenacia”.

 

 

Fonte: Misna

DONAZIONI

Banca Popolare Etica
VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
IBAN IT70F0501803200000000520000

Credito Valtellinese
VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
IBAN IT10G0521603229000000020000

Conto Corrente Postale
VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
ccp 88182001

YouGive - Dona con il tuo smartphone

SEGUICI!