vislogo2.gif (2833 byte) 

"Il punto di vista del bimbo straniero"

Interculturalità e integrazione nella scuola elementare italiana

Torna alla pagina precedente

Progetto di ricerca condotto da Paola Pinelli  e da Maria Cristina Ranuzzi con la collaborazione delle scuole romane - Iniziativa scaturite dal Protocollo d’Intesa tra il Vis ed il Ministero della Pubblica Istruzione..
pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Introduzione

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Il Progetto

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) La metodologia

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) I questionari

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Le interviste

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) I parametri

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Laboratorio

INTERVISTE

Interviste con le mamme dei bimbi stranieri

I bimbi soprattutto attraverso la scuola, ma anche attraverso la lingua, la gestione del tempo libero, la salute, favoriscono o comunque influenzano il processo d’integrazione culturale dei propri genitori.

I genitori influenzano l’approccio integrativo culturale dei propri figli in quanto rappresentano una radice culturale, talvolta l’unica radice culturale, dei propri figli.

Ecco il perché delle interviste ai genitori dei bambini stranieri.

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) I. (circa 45 anni), mamma di C. (1a elementare, nata a Roma da entrambi i genitori capoverdiani).

I. è venuta in Italia 25 anni fa, già con un contratto di lavoro come previsto dalla legge italiana di allora e si è sempre trovata bene con i suoi datori di lavoro presso i quali viveva lavorando a tutto servizio.

Fu seguita in Italia poco dopo dalla sorella, deceduta per malattia qualche anno fa. Conosce bene la lingua italiana e afferma di non aver mai avuto particolari problemi né lei né i suoi figli; infatti dice che suo figlio, il più grande, di 17 anni non ha mai avuto particolari problemi di integrazione a scuola né con gli amici; C., di 7 anni (I. ha un terzo figlio di 1 anno e mezzo) non ha, almeno finora, avuto problemi di alcun tipo. I. non ha riscontrato alcuna carenza da parte della struttura scolastica né da parte degli insegnanti. La sua famiglia, solida ed unita a detta anche delle insegnanti, sembra dare un forte sostegno ai figli. I. non appartiene ad alcuna associazione di capoverdiani nel nostro paese anche se rare volte ha partecipato ai loro incontri perché chiamata.

Dall’osservazione in classe, C. risulta una bimba sorridente, a differenza di sua cugina D. di cui si accenna di seguito la storia, ma davvero non si può dire amata. In qualche caso anzi l’insegnante ha riferito di veri e propri atti di intolleranza nei suoi confronti (p.e. i bambini non vogliono sedersi vicino a lei) che però sembrano non averla turbata.

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Mamma (circa 40 anni) di D. (1a elementare, nata a Roma da entrambi i genitori capoverdiani).

Non si è presentata dicendo il suo nome e questo è il motivo per cui non lo conosco e quindi non lo riporto; ha sempre mantenuto un atteggiamento diffidente fin dall’inizio dell’incontro. Non conosce bene la lingua italiana. Ha incontrato il marito, vedovo della sorella di I., e si sono sposati; D. è sua figlia ma il marito ha due figli più grandi avuti dal matrimonio precedente.

Nonostante io sia stata chiara sul motivo del nostro incontro (conoscere la storia dell’approccio scolastico di sua figlia e gli eventuali disagi espressi dalla bambina o intuiti dal genitore ai fini di una ricerca), la mamma di D. è convinta che parlandomi della situazione di sua figlia potrà ottenere un’insegnante di sostegno (sarebbe più esatto dire insegnante di recupero) per lei e, sempre fissa sul suo obiettivo, mi racconta delle difficoltà della figlia nel leggere e nello scrivere senza fare cenno ad eventuali problematiche d’inserimento, constatate invece nell’osservazione in classe e confermate dall’insegnante di scienze e matematica.

Sebbene affermi che la figlia non è seguita a sufficienza e se la prenda con la scuola che, a suo dire, da questo punto di vista, è carente, è consapevole che anche da parte di D. non c’è un grande impegno per superare queste difficoltà; mi racconta che quando prova a farle fare i compiti nel poco tempo a sua disposizione dato che lavora tutto il giorno, la trova svogliata, distratta, oltre al fatto che D. sembra non capire ciò che le si chiede.

Dall’osservazione in classe, la bimba è spesso sola, non viene cercata dai compagni (molto meno rispetto alla cugina C.), ha un atteggiamento scontroso ed il volto è serio, quasi assente. L’insegnante ne denuncia la scarsa voglia e la scarsa applicazione.

In questo caso, le differenze comportamentali e probabilmente la diversa situazione familiare alle spalle sono molto più evidenti delle differenze culturali e fisiche (p.e. D. ha la pelle più chiara di C.).

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) R. (26 anni), mamma di H. (3a elementare, nata in Eritrea da entrambi i genitori eritrei e arrivata a Roma circa alla metà di gennaio 2001).

R. è a Roma da circa 7 anni, conosce bene l’italiano; con l’aiuto di un amico italiano è riuscita a far venire in Italia prima la sorella Sabela (a luglio dell’anno passato), poi la figlia H.

H. ha incontrato un’operatrice della mensa etiope che le ha chiesto la provenienza. "Vieni da Africa?" – le ha chiesto. "No" – ha risposto H. "Vieni da Etiopia?". "No, vengo da Eritrea" – ha detto H. Per lei infatti l’Eritrea non è Africa.

La bimba è spigliata e sorridente e non sembra avere grandi difficoltà; naturalmente, non conoscendo affatto l’italiano, non comprende tutto quello che le si dice ma sta facendo grandi progressi nell’apprendimento della lingua.

Nel lavoro di gruppo del laboratorio, sembra avere problemi con una bimba cinese della sua classe tanto da non voler sedervisi accanto; la bimba cinese però ha veramente un carattere difficile e prepotente per cui è con ogni probabilità questo il motivo del disagio di H. nei suoi confronti.

Ultimamente le insegnanti hanno riferito di vedere H. con meno entusiasmo, un po’ svogliata, talvolta addirittura assente, ma R. assicura che, per il momento, non ha notato niente di strano e che H. le ha detto che non c’è niente che non vada. Probabilmente, mentre all’inizio, a motivo della lingua, veniva lasciata più stare, ora le insegnanti cominciano a pretendere di più e le fanno pressione, senza contare che naturalmente il percorso scolastico man mano che si va avanti si fa più impegnativo.

In più c’è un altro aspetto e cioè che mentre quando è arrivata H. era al centro dell’attenzione dei compagni che facevano a gara per parlare con lei, ora è rientrata nella normalità della vita scolastica quotidiana.

Da ultimo, ma ugualmente importante, si deve riflettere sulla possibile contestualizzazione culturale di un atteggiamento quale quello di H. (ma questo discorso vale in generale) e sull’indole del soggetto stesso. E’ su questo punto che verteranno le successive interviste data la notevole disponibilità di R.

R. segue parecchio H. anche grazie al fatto che, mentre prima svolgeva due lavori (pulizie presso un noto giornale da prima dell’alba e pulizie presso una casa privata), ora ne segue solo uno (il primo) e sebbene sia in cerca di qualcos’altro, nel frattempo ha l’opportunità di seguire dappresso H.; per questo motivo, è una "testimone attendibile" dell’approccio di H. alla scuola italiana.

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Mamma (circa 30 anni) di M. (5a elementare, nata in Ecuador da entrambi i genitori ecuadoregni).

Di fede evangelica e molto religiosa, la mamma di M. dice che la figlia si trova bene a scuola fondamentalmente perché le ha insegnato a non rispondere alle provocazioni e a pensare a fare unicamente il proprio dovere; ha chiesto alla maestra di mettere M. in banco da sola perché il suo compagno le dà fastidio mentre fanno i compiti. Da come si esprime non è preoccupata tanto della socializzazione della figlia quanto della sua riuscita in termini di successo scolastico.

La signora è stata intervistata nel periodo di Carnevale in cui i bimbi, di solito il martedì grasso, vanno a scuola mascherati ma non ha voluto che la figlia si mascherasse perché la Bibbia considera pagana questa festa.

La figlia non partecipa alle feste di compleanno degli altri bambini non perché lei abbia qualcosa in contrario alla festa in sé ma perché generalmente i compleanni si festeggiano di sabato o di domenica, giorni in cui la loro famiglia è solita frequentare la chiesa; racconta di chiedere comunque a M. cosa preferisca fare, se andare alla festa con i suoi compagni o in chiesa con la famiglia, e afferma che M. ha sempre voluto andare in chiesa con i genitori.

La famiglia è di cultura tipicamente campesina, tutta casa, lavoro e chiesa; la bimba sta molto a casa e risente notevolmente di tale impostazione.

Dall’osservazione in classe, si evince che M. è un tipo sì silenzioso ma abbastanza socievole; non è però molto diretta con i compagni dei quali parla male nascostamente.

pulsante lampeggiante.gif (995 byte) Mamma di J. (5a elementare – di un anno più grande rispetto ai suoi compagni - nata in Perù da entrambi i genitori peruviani e giunta in Italia nell’ottobre 2000).

La mamma ha mancato il primo appuntamento. Un secondo appuntamento sarà fissato un po’ più avanti.