Archivio news

  • Giornata Mondiale del Rifugiato: la proposta del mondo salesiano per un'accoglienza che risponde alle situazioni di crisi

    20 giugno 2016 - In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, come realtà operative in Italia che si ispirano al sistema educativo di Don Bosco vogliamo sottolineare che l’accoglienza è il primo passo di un percorso che conduce a ridare dignità alle persone fuggite dal proprio Paese. Rifacendoci a Papa Francesco, riteniamo che siano necessari i passi successivi, ossia protezione, promozione e integrazione.

  • Ballare nel campo profughi di Gambella

    18 giugno 2018 - Ha solo 22 anni ma deve prendersi cura di quattro bambini. Due sono suoi, due di sua sorella, morta insieme al marito durante gli scontri in Sud Sudan. Nyanthiay ha preso con sé i piccoli e ha camminato per venti giorni, verso l’Etiopia: “Sono stata costretta a lasciare mio marito e mia madre. Il mio obbiettivo era portare in salvo i bambini, in un posto sicuro dove non ci fossero la fame e la guerra”. È tra gli oltre 17mila rifugiati Sud Sudanesi arrivati quest’anno al campo di Nguenyyiel, nella regione di Gambella, che ne ospita quasi 100mila. La protezione dell’infanzia e la formazione professionale dei giovani è parte del progetto che il VIS insieme ai Salesiani porta avanti nel campo.

  • Etiopia, un pozzo non basta

    15 giugno 2018 - Secondo i dati ONU, tra il 1990 e il 2015 la popolazione mondiale che ha avuto accesso a una migliore qualità dell’acqua potabile è salita dal 76% al 91%. Ma c’è ancora molto da fare, perché gli stessi dati evidenziano che la scarsità di acqua colpisce più del 40% della popolazione globale, con un trend che si prevede in amento.

  • Un vino, una storia. Al VIS una serata di degustazione enosolidale

    Gustare un vino, entrare in una storia. È quello che accadrà il 6 luglio nella suggestiva cornice del parco delle catacombe di San Callisto sull'Appia Antica a Roma e anche, nell'edizione ligure dell'evento, a Genova venerdì 15 giugno. L'appuntamento è alla serata di degustazione enosolidale dei vini prodotti nella cantina salesiana di Cremisan, a Betlemme, anche grazie al sostengo del VIS.

  • L'appello del CINI: solidarietà alla deriva con l’annuncio della chiusura dei porti italiani all’Aquarius

    11 giugno 2018 - Il CINI, Coordinamento Italiano NGOs Internazionali, di cui il VIS fa parte, esprime forte preoccupazione per la decisione annunciata ieri dal Ministro degli Interni Salvini di chiudere i porti italiani alla nave Aquarius, in navigazione con 629 naufraghi provenienti dal Nordafrica, tra cui 123 minori non accompagnati e 7 donne incinte.

  • NAVE AQUARIUS, OPERAZIONI EFFETTUATE INSIEME ALLA MARINA MILITARE ITALIANA, INSPIEGABILE CHIUSURA PORTI

    Roma, 11 giugno 2018 - Persone in carne ed ossa diventano oggetto di sfruttamento politico, la vita di uomini e donne in cerca di aiuto usata per dare un “segnale” all’Europa. In una situazione che oggettivamente in questo momento non presenta alcuna emergenza migranti, visto che il numero degli sbarchi è da mesi in calo, la fuga di più di 600 disperati viene usata in maniera strumentale e pretestuosa: “L’operazione di salvataggio delle persone a bordo della Aquarius è italiana – spiega il presidente del VIS, Nico Lotta – ed è stata coordinata dal Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo della Capitaneria di porto di Roma.

  • Europa e migranti, quali politiche?

    8 giugno 2018 - Nell’ambito del progetto di Educazione alla Cittadinanza Globale “Io non discrimino! Per-Corsi di conoscenza sul fenomeno migratorio e di integrazione, insieme ai migranti », il 13 giugno 2018 si terrà una giornata di studio organizzata dall’Università degli studi di Roma Tre, in collaborazione con il VIS, il Masters in Peace Studies e il Dipartimento di Lingue, Letteratura e Culture Straniere che analizzerà il delicato rapporto tra Europa e il fenomeno migratorio.

    Il programma, ricco di temi ed interventi di spicco del mondo della cooperazione internazionale, verrà suddiviso in due parti :

  • Da astemio a enologo grazie alla cantina di Cremisan in Palestina

    6 giugno 2018 - Fadi è un giovane enologo palestinese, ma fino a qualche anno fa non aveva mai bevuto vino. “Sono stato coinvolto nel progetto della cantina salesiana di Cremisan, ho studiato 4 anni in Italia e poi sono tornato in Palestina a lavorare”. Il vino è cultura, tradizione, gusto. Ma quello di Cremisan contiene anche la storia dei giovani palestinesi che ora portano avanti la cantina autonomamente, producendo e commercializzando bottiglie in tutto il Paese e anche all'estero. La cantina, che comprende anche i vigneti di Beit Jemal, si trova tra Gerusalemme e Betlemme ed è attraversata dal Muro di separazione israeliano. 

  • Avviato il progetto “ZANA E MALEVE - Giovani e Territorio”

    1 giugno 2018 - Nella deliziosa località montana di Razma di Malesi e Madhe, alla presenza di Gianluca Antonelli, Direttore Programmi del VIS nonché operatore espatriato in Albania per diversi anni, nei giorni scorsi ha avuto avvio il progetto “ZANA E MALEVE – Giovani e Territorio: radici di una comunità in cammino verso l’integrazione con la famiglia europea”, co-finanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS). Il progetto consortile sarà implementato dalle ong VIS e CISP con controparte l’Agenzia per lo Sviluppo Regionale (AZHR 1), cui offrono la loro collaborazione ben 9 partner, 5 dall'Italia e 4 dall'Albania.

  • Migrazione irregolare e tratta di esseri umani, se ne parla a Bruxelles

    30 maggio 2018 - Alla luce dell'impegno profuso nell’ambito del contrasto alla tratta di esseri umani e alla migrazione forzata e irregolare, il VIS ha preso parte, con Barbara Terenzi, Coordinator Human Rights & Advocacy Office, al “Meeting of the EU Civil Society Platform against trafficking in human beings” organizzato dalla Commissione europea a Bruxelles il 28 e 29 maggio.

Pagine