• warning: stristr(): Empty delimiter in /var/www/clients/client1/web1/web/vis_files/includes/common.inc(1762) : eval()'d code on line 39.
  • warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/clients/client1/web1/web/vis_files/includes/common.inc(1762) : eval()'d code on line 22.
  • warning: stristr(): Empty delimiter in /var/www/clients/client1/web1/web/vis_files/includes/common.inc(1762) : eval()'d code on line 38.
  • warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/clients/client1/web1/web/vis_files/includes/common.inc(1762) : eval()'d code on line 22.

La sindrome del computer arrugginito

  • Sharebar

La tecnologia ha sempre prodotto effetti contrastanti nei paesi più poveri: da un lato l'attesa euforica di nuove opportunità di crescita, dall'altro la delusione per il rapido "arrugginirsi" delle diverse soluzioni tecnologiche, dovuto alla mancanza di infrastrutture o di competenze.

Anche Internet, punta di diamante delle nuove tecnologie, si presenta ambivalente: se, per il Nord del mondo, rappresenta uno strumento formidabile di partecipazione e di democrazia, per i tanti esclusi dalla società dell'informazione, i cosiddetti infopoveri, si profila una nuova forma di colonialismo.

È possibile colmare il "fossato digitale" (il digital divide) che separa i paesi ricchi dai paesi poveri? Come superare la contrapposizione tra le aziende informatiche, che si rivolgono alle nuove tecnologie per produrre magicamente grandi miglioramenti sociali, e il popolo di Seattle, per il quale il Sud del mondo ha bisogno piuttosto di medicine, di acqua, di scuole?

Per uscire da questo dilemma è necessario comprendere a fondo qual è il ruolo più appropriato delle nuove tecnologie nei processi di sviluppo umano e, soprattutto, qual'è l'impatto prodotto su contesti sociali così diversi da quelli occidentali.

GianMarco Schiesaro
Si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l'Università di Padova. Ha poi conseguito il Master in Cooperazione allo Sviluppo presso la European School of Advanced Studies dell'Università di Pavia. Successivamente, ha approfondito il tema del rapporto tra tecnologie e formazione conseguendo il Master in Computer Mediated Communication organizzato dall'Institute of Education dell'Università di Londra, in partnership con l'Università Bocconi di Milano.

Lavora da alcuni anni nel mondo della cooperazione internazionale, occupandosi attualmente presso il VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo), delle iniziative e dei progetti che richiedono l'utilizzo delle nuove tecnologie. Ha condotto diverse ricerche sull'impiego della formazione a distanza nei Paesi in via di sviluppo, svolgendo missioni di consulenza all'estero, in particolare in Albania. E' inoltre responsabile del Centro di Formazione Online allo Sviluppo del VIS, un esperimento innovativo di utilizzo delle tecnologie didattiche per la formazione ai temi dello sviluppo umano.

(La sindrome del computer arrugginito - SEI Editrice, Torino, 2003 - pp. 200 - € 10)

DONAZIONI

Banca Popolare Etica
VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
IBAN IT70F0501803200000000520000

Conto Corrente Postale
VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo
ccp 88182001

SEGUICI!