Egitto

La nostra storia in Egitto inizia nel 1994. Dopo anni di collaborazione con i Salesiani locali, ci fermiamo per un intervallo di circa 3 anni, per riprendere a lavorare in questo Paese nel 2017. I colloqui con i partner, le visite sul campo e le opportunità di finanziamento che si sono presentate hanno permesso di riavviare la progettualità in un Paese che si presenta oggi in una situazione politica, economica e sociale difficile, forse peggiore rispetto agli anni passati.

 

Il numero di giovani e relative famiglie che versano in situazione di difficoltà, infatti, è aumentato notevolmente negli anni successivi alla cosiddetta Primavera araba, in virtù di una crisi socio-economica sempre più acuta cui le istituzioni egiziane non sono riuscite a rispondere in modo appropriato, con l’esito di un ulteriore aumento dei tassi di emigrazione e del numero di famiglie che vivono sotto la soglia di povertà. Nell’autunno del 2016, nell’ottica di rilanciare le sorti economiche e finanziarie del Paese, il governo ha operato scelte economiche con effetti molto complessi nel breve periodo, che hanno portato ad una preoccupante perdita di valore della lira egiziana (da 10 a circa 20 Lire per un Dollaro USA), con ripercussioni estremamente ampie sulle fasce di popolazione più povere.

 

In questo contesto, il lavoro è una delle condizioni essenziali per migliorare le proprie condizioni vita e la formazione è precondizione per la ricerca di un’occupazione adeguata. Ancora una volta, il VIS e i Salesiani hanno deciso di puntare sugli istituti Don Bosco del Cairo e di Alessandria per rispondere sempre più e sempre meglio alle necessità formative dei giovani egiziani e lo faranno grazie al contributo della Fondazione Intesa San Paolo attraverso cui saranno potenziate le strutture, i laboratori e le risorse umane di entrambi i centri. L’aggiornamento dei docenti e l’introduzione di nuovi corsi orientati al lavoro avranno lo scopo di avvicinare sempre più i giovani al mondo del lavoro e di contribuire all’aumento del tasso di occupazione giovanile nel settore tecnico professionale nelle aree urbane del Cairo e di Alessandria. Il progetto avrà inizio a gennaio 2018 e avrà la durata di 18 mesi.

 

Nel frattempo, il VIS lavorerà anche per supportare l’apertura al Cairo di un’antenna del Projects and Development Office (PDO) dell’Ispettoria salesiana del Medio Oriente (che ha la sua sede a Betlemme), con le funzioni di ufficio progetti (identificazione nuove proposte, presentazione delle stesse ai donatori e gestione di nuove iniziative) per tutta l’area dell’Egitto.

Campaign
Foto / Video