Etiopia

Lavoriamo in Etiopia dal 1998 impegnandoci primariamente nei settori dell’educazione, della formazione professionale e dell’inserimento lavorativo e nel settore acqua e salute.

 

Abbiamo recentemente concluso il progetto Print your future! finanziato dall’AICS e dall’8xmille CEI che ha promosso corsi in arti grafiche e tipografiche, sartoria, preparazione cibo e catering, lavorazione del legno, meccanica, pelletteria, ITC ed edilizia, coinvolgendo oltre 1.000 ragazzi. I corsi si sono svolti nelle scuole tecniche salesiane della regione del Tigray (Mekelle e Adwa), a Gambella e ad Addis Abeba. A maggio 2017 è stata inaugurata la prima scuola di grafica e stampa nel Paese.

 

Sempre nel settore formazione professionale, abbiamo messo a punto una strategia, da realizzarsi in Tigray e ad Addis Abeba, basata su: l’organizzazione di corsi brevi in linea col mercato, la promozione dell’autoimpiego e l’inserimento in azienda attraverso il sostegno a partnership pubblico-private.

 

In Etiopia siamo inoltre impegnati dal 2016 nella prevenzione delle migrazioni irregolari, nella regione del Tigray, grazie a finanziamenti della Cooperazione Italiana, del Ministero degli Interni e di Missioni Don Bosco, in partnership con CISP, la Diocesi di Adigrat e i Salesiani di Don Bosco. Promuoviamo formazioni brevi, inserimenti lavorativi in azienda e micro-prestiti destinati ad attività generatrici di reddito.

 

Inoltre, da agosto 2017, grazie a un progetto finanziato dalla Cooperazione Italiana, abbiamo iniziato a lavorare all’interno di campi profughi con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita dei rifugiati attraverso il rafforzamento delle loro competenze professionali.

 

Infine, a dicembre 2017 avvieremo un progetto nell’ambito del programma europeo AMIF, con la Comunità Papa Giovanni XXIII e altri partner internazionali ed italiani (tra cui il CNOS-FAP). Il progetto si configura come un’esperienza pilota di corridoio umanitario tra Etiopia ed Italia: il gruppo beneficiario riceverà una formazione pre-partenza e un follow-up post-arrivo per potersi inserire più facilmente nel contesto italiano.

 

Nel settore acqua e salute, dopo anni di progetti in Tigray, siamo adesso presenti nella Somali Region con un programma co-finanziato da Cooperazione Italiana e Fondazione Elena Trevisanato. Il programma vuole migliorare l’accesso all’acqua potabile, i servizi igienico-sanitari di base e le capacità locali di gestione delle risorse idriche e promuovere la sicurezza alimentare in collaborazione con lo storico partner locale DGMDA.

 

Infine, interveniamo nel settore acqua e salute grazie alla campagna Un pozzo per Andrea.

 

Scarica la Scheda Paese del Bilancio Sociale 2016

Campaign

 

 

Foto / Video

Etiopia - Oltre ogni confine