News dal campo

  • 15 maggio 2014 - Il 7 e l’8 maggio il VIS Angola ha organizzato il primo Seminario Partecipativo per “Moltiplicatori” nel Centro Rifugiati di Viana, provincia di Luanda. Si chiamano moltiplicatori coloro che aiuteranno a moltiplicare, con la loro partecipazione, l’effetto di questi momenti formativi volti al rafforzamento delle loro competenze, non solo tecniche.

    Le formazioni sono svolte dal personale VIS e riguardano temi come il lavoro in gruppo, risoluzione di conflitti e tecniche di comunicazione, per aumentare le possibilità di inserimento nel mercato del lavoro locale e più in generale migliorare i livelli di integrazione nella società angolana.

  • 13 maggio 2014 - Nei villaggi etiopi di Betawariat e Mayaraza, nella regione del Tigray, 800 persone hanno finalmente accesso ad una fonte di acqua potabile. Questo grande risultato è stato ottenuto nei primi mesi del 2014 attraverso la costruzione di un pozzo e di una diga, completa di canali irrigui. La promozione dello sviluppo delle risorse idriche in queste aree profondamente colpite dalla siccità è realizzato dal VIS grazie al prezioso contributo della CEI (Conferenza Episcopale Italiana ) e dell’8 per Mille della Chiesa Evangelica Valdese-Unione delle chiese metodiste e valdesi e dell’Associazione Gocce nel Mare.

  • 8 maggio 2014 - Solange finalmente sorride. Solange è una giovane donna di Haiti. Ha 25 anni. E' già vedova e già mamma di 3 bambini. Questa storia la doniamo a tutte le mamme in occasione della loro festa della mamma. La storia di Solange ce la racconta un'altra donna forte, Sara Persico, volontaria internazionale del VIS ad Haiti.

    Grazie Solange, Grazie Sara e grazie a tutte le mamme e donne del mondo. 

  • 30 aprile 2014 - In questo primo mese di attività del progetto “Bukë, Kripë e Zemër. Cibo, Tradizione e Cultura: processi di co-sviluppo in aree marginali del nord e sud dell’Albania”, lo staff del VIS si è dedicato soprattutto a quelle attività considerate “preparatorie”, che risolvono cioè alcuni aspetti pratici e burocratici che vanno definiti prima dell’inizio effettivo delle attività sul campo.

    Nel nostro caso si è trattato soprattutto di preparare gli uffici, prendere i contatti con le associazioni e le persone che in diversi modi saranno coinvolte nel progetto, specialmente nella realizzazione dei progetti comunitari e nell’erogazione del microcredito.

  • 15 aprile 2014 - Come ogni giorno la sveglia suona presto qui ad Haiti, presi gli attrezzi ci rechiamo in cantiere, c’è tanto da costruire. Sono le ore 06:45 del mattino di una giornata importante a Port- au Prince. Oggi si inaugura il centro per bimbi in condizioni di disagio Lakay-Lakou posto in uno dei quartieri più degradati di Port-au-Prince.

    La struttura sarà in grado di fornire ai bimbi che vivono in strada, un tetto, un pasto decente ed un luogo sicuro in cui poter riposare, senza guardarsi le spalle dai pericoli delle strade di Port-au-Prince.

  • 28 marzo 2014 -  L’Università di Betlemme è stata la sede della conferenza “Agrobiodiversity in Palestine: Lessons Learned and challenges for the future”, organizzata dalla nostra ong e da OVERSEAS con la partecipazione dell'Università di Bologna.

  • 21 marzo 2014 - Margherita, la nostra volontaria in Burundi, ci aggiorna sulla situazione ad un mese della forti piogge. "Secondo l'amministratrice di quartiere il campo di Buterere, nel giardino dell'area Salesiana, ospita all'incirca 260 famiglie, ma i numeri sono comunque approssimativi, in quanto le persone vanno e vengono. In molti cercano  di tornare alle proprie abitazioni, in altri quartieri, ma spesso capita che non ricevano assistenza e che si trovino dunque a ritornare ai campi di accoglienza. Nella notte di domenica 9 marzo, un'altra forte pioggia di è abbattuta su Bubanza, una provincia a nord di Bujumbura e ci sono stati ancora alcuni danni alle abitazioni.

  • 14 marzo 2014 -  Dal 5 dicembre scorso, a causa della violenza tra diversi gruppi armati a Ba ngui, nella Repubblica Centro Africana, centinaia di migliaia di persone hanno cercato rifugio in istituzioni che offrono una certa sicurezza, come le chiese e l’aeroporto; una parrocchia salesiana e il Centro Don Bosco continuano ad accogliere i rifugiati, mentre la Procura Missionaria Salesiana di Madrid ha lanciato la campagna “Ti ricordi del Centrafrica?” per raccogliere gli aiuti necessari.

  • 7 marzo 2014 - Questa è la storia di Jeannette e potrebbe essere quella di centinaia di donne che vivono nella regione del Nord Kivu, che vivono a Goma, in Repubblica Democratica del Congo, in un territorio che da più di vent’anni vive una guerra dietro l’altra. Lei ha avuto la fortuna di incontrare nel suo cammino qualcuno che si è preso cura di lei, di un pezzo della sua vita, di qualcuno che fosse in grado di capire l’importanza di una vita autonoma e degna, di capire che una donna, anche se priva di mezzi, marginalizzata e considerata da nessuno, può avere sempre delle opportunità. 

  • 28 febbraio 2014 - Nel distretto di Awbare in Somali Region, Etiopia,  sabato 15 Febbraio finalmente abbiamo potuto inaugurare i due pozzi profondi realizzati nei villaggi di Las Anod e Gogti.

    Da più di un anno infatti, grazie all’impegno di due associazioni di Venezia, “Fondazione Elena Trevisanato” e la onlus “Gli Amici di Venezia”, attraverso la ong locale “Don Gianmaria Memorial Development Association”, il VIS ha potuto realizzare questi due importanti interventi ad oggi fondamentali per la sopravvivenza delle comunità somalo-etiopi dell’area.

    Dopo mesi di attesa dovuti principalmente a motivi di sicurezza, nel distretto di Awbare in Somali Region, Etiopia, il giorno Sabato 15 Febbraio finalmente abbiamo potuto inaugurare i due pozzi profondi realizzati nei villaggi di Las Anod e Gogti.

Pagine