News dal campo

  • 18 novembre 2019 -  La settimana scorsa in Albania, alla presenza del Direttore Generale AICS, Luca Maestripieri in visita a Tirana, gli Agenti di Sviluppo Locale di quattro ONG italiane, che lavorano da anni in Albania, hanno presentato la propria figura professionale. 

    Per il VIS ha preso la parola Drita, che lavora come Agente di Sviluppo Locale dal 2011, indossando durante l'evento gli abiti tradizionali del Kelmend, sua regione d’origine, e ha raccontato la sua storia di crescita personale e professionale a favore dello sviluppo del territorio e a fianco delle comunità locali del Nord Albania.

     

  • 7 novembre 2019 - Grazie al progetto Vamos Juntos, cofinanziato dall’Unione Europea, in Angola è stato istituito l’anno scorso il Fondo di Aiuto alle Famiglie.

    Si tratta di un sussidio economico erogato alle famiglie degli ex bambini in situazione di strada, che sono stati reinseriti nel proprio nucleo d’origine. Obiettivo finale di questo Fondo è evitare il fallimento della riunificazione familiare e il conseguente ritorno dei bambini in strada.

    Nel 2019 hanno potuto beneficiare del fondo 14 famiglie, accompagnate da tre diverse organizzazioni, che hanno ricevuto borse di studio per i figli per corsi professionali e in alcuni casi un sussidio per ristrutturare e migliorare la propria abitazione.

  • 3 novembre 2019 - Haiti è un paese estremamente povero e le opportunità di lavoro sono poche, per questo motivo il VIS è particolarmente attivo nell’accompagnamento dei giovani ad integrare il mondo del lavoro attraverso diverse la formazione, il sostegno dell’auto impiego, l’avvio di piccole imprese e l’inserimento in alcune aziende locali. Quest'anno sono state avviate 26 micro imprese attraverso il progetto Travay Se Libète.

     

  • 30 ottobre 2019 - Il progetto LEEWYV (acronimo inglese di "Empowerment economico locale per donne, giovani e gruppi vulnerabili attraverso azioni concertate di società civile e autorità locali in Ghana") è stato sviluppato nel 2018 dal VIS e finanziato dall’Unione Europea, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile nella regione di Brong Ahafo (BAR), attraverso meccanismi efficaci di coinvolgimento e cooperazione nei processi di sviluppo sostenibile tra le organizzazioni della società civile e le autorità locali.

     

  • 26 ottobre 2019 - Haiti è un paese estremamente povero e le opportunità di lavoro sono poche, per questo motivo il VIS è particolarmente attivo nell’accompagnamento dei giovani ad integrarsi nel mondo del lavoro attraverso la formazione, il sostegno dell’auto impiego, l’avvio di piccole imprese e l’inserimento in alcune aziende locali. Quest'anno sono state avviate 26 micro imprese attraverso il progetto Travay Se Libète.

  • 16 ottobre 2019 - Ilaria Colombo è stata due mesi in Ghana, volontaria proveniente dall'Università Cattolica di Milano e impegnata, attraverso il Charity Work Program, nella campagna di sensibilizzazione StopTratta. I mesi trascorsi a Sunyani e dintorni sono stati scanditi da incontri con la popolazione locale, tra cui molti bambini. L'immagine di Ilaria rappresenta la sua esperienza a cui aggiungiamo le sue parole che ricordano quel pomeriggio e aiutano a capire come il VIS sensibilizzi i potenziali migranti su quali siano i rischi della migrazione irregolare, anche attraverso il gioco:

     

  • 10 ottobre 2019 - Il VIS sta realizzando, nell’estremo nord Albania, una serie di incontri sulla prevenzione degli incendi boschivi e la sensibilizzazione ambientale. L'obbiettivo è coinvolgere una ventina tra i villaggi maggiormente a rischio della regione di Malesi e Madhe. Questa iniziativa si inserisce nell'ambito del progetto "FoRuM", finanziato dall'Unione Europea, mira a rafforzare il ruolo attivo e partecipativo della società civile nel processo di sviluppo dell’Albania. Il VIS la porta avanti grazie al supporto tecnico dell'Amministrazione Regionale delle Aree Protette, ente pubblico che si occupa della gestione, protezione, sviluppo, espansione delle aree protette, che comprendono parchi nazionali, paesaggi riserve e monumenti naturali.

     

  • 3 ottobre 2019 - In questi giorni a Luanda si  è respirata un’aria nuova, internazionale e interculturale, di apertura e innovazione. Si è svolta, infatti, dal 18 al 22 settembre, la prima Biennale per la Cultura e la Pace di Luanda, organizzata dall’Unesco, dall’Unione Africana e dal Governo Angolano. Per quattro giorni la città si è animata con diversi eventi artistico-culturali, forum sulla gioventù e sulla donna, forum di idee e molto altro. Momenti di scambio tra culture e Paesi diversi, opportunità per esporre la propria cultura, ma anche per conoscere quella altrui.

     

    Sono state invitate a partecipare alcune delegazioni di altri Paesi africani: Mali, Egitto, Marocco, Kenya, Namibia, Sud Africa, Capo Verde, Ruanda, Repubblica Democratica del Congo, Congo, Etiopia e Nigeria. Anche l’Italia è stata chiamata a partecipare all’evento, come ambasciatrice sulla tematica della Diaspora, insieme al Brasile.

  • 2 ottobre 2019 - Laura Faranda è una volontaria dell'Università Cattolica di Milano, partita per l'Albania in estate con il programma Charity della sua università. Durante la sua permanenza nel Paese con i nostri espatriati ha avuto modo di partecipare attivamente alla settimana del volontariato, un'iniziativa che si è svolta a Malesi e Madhe, dal 19 al 23 agosto, e  finanziata dall’Unione Europea nel quadro del progetto “FoRuM”, che ha come obiettivo, tra gli altri, quello di rafforzare il ruolo della società civile albanese e supportarne la partecipazione alla vita politica e sociale del Paese. Qui di seguito il racconto di Laura:

     

    "Mi presento: sono Laura, ho 24 anni e sto svolgendo un periodo di volontariato con il VIS nel Nord dell’Albania tramite il Charity Program dell’Università Cattolica di Milano.

  • 27 settembre 2019 - Il VIS è stato invitato a partecipare all’evento di inaugurazione del Centro di Eccellenza tessile presso il Garment College di Mekelle. L'agenzia delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) insieme all'AICS ha reso possibile l’ammodernamento dei laboratori tessili. All’interno del Garment College il VIS, capofila di un progetto di sviluppo al lavoro attivo (DEAL), permette ai propri beneficiari di svolgere la formazione nel settore tessile.

     

Pagine