News dal campo

  • 28 gennaio 2020 – Si è aperto ufficialmente oggi all’Università di Betlemme lo Yunus Social Business Year 2020 con un convegno dal tema “L’ecosistema delle imprese sociali in Palestina”.

     

    La conferenza, alla quale ha partecipato anche il presidente del VIS, Nico Lotta, è stata l'occasione per presentare “Start Your Business”, nuovo progetto triennale finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ed implementato dal VIS con il supporto di diversi partner internazionali e locali, comprese l’Università di Betlemme e lo Yunus Social Business Centre di Betlemme.

     

  • 14 gennaio 2020 - Sono passati dieci anni da quando la terra di Haiti è stata scossa dal terremoto di magnitudo 7 che ha coinvolto 3 milioni di persone, radendo al suolo interi quartieri. Immediatamente il VIS inizia a cooperare nello stato caraibico per cercare di fare fronte all'emergenza sismica.

     

    A 10 anni da quella data tante cose sono cambiate: l'emergenza è passata, ma la situazione nel Paese continua ad essere difficile. Per questo motivo il VIS è rimasto e continua a occuparsi della popolazione portando avanti progetti di formazione professionale, aiuto all'auto-impiego e accoglienza dei più giovani nei centro di Lakay e Lakou, con l'obbiettivo di allontanarli dalle strade e dalle fila delle gang armate.

     

  • 31 dicembre 2019 – Don Angelo Regazzo è un missionario salesiano da 60 anni e si occupa dei ragazzi in situazione di strada di Addis Abeba. Raccoglie i Monelli Buoni (come li chiama lui) ogni mattina con il suo pulmino e offre loro la possibilità di vivere al Bosco Children. Nella sua lettera di auguri anche il ringraziamento per tutto quello che è stato fatto nel 2019 con uno sguardo all’anno nuovo:

     

    “Buon Natale e Buon Anno Nuovo 2020. Fra tanta confusione politica, condizioni climatiche disastrose causate dall’irresponsabilità dell'uomo, il Bambinello nella Grotta di Betlemme rimane un punto fisso di orientamento e ci impartisce lezioni di vita per rientrare nella normalità: la sacralità della famiglia, la semplicità di vita, il distacco dalle ricchezze, il rispetto per la Natura e la condivisione dei beni del Creato con quelli che hanno meno di noi.

  • 19 dicembre 2019 - L’EAT-IN è un evento targato Slow Food, che consiste in un momento di condivisione di cibi tradizionali, cucinati dai partecipanti, al fine di valorizzare le pietanze locali del proprio territorio, in un clima di festa e socializzazione.

     

    L’evento, che ha avuto luogo sabato 7 dicembre nel Centro Giovanile ARKA di Koplik nel Nord dell’Albania, è stato organizzato dallo Slow Food Youth Network (SFYN) di Malesi e Madhe, in collaborazione con il VIS in Albania, nell’ambito del progetto “FoRuM”, finanziato dall’Unione Europea.

     

    Da circa un anno, gli operatori VIS in Albania affiancano questo gruppo giovanile nella sua crescita e rafforzamento. Lo SFYN di Malesi e Madhe, composto da circa 30 membri, fa parte di una rete globale di giovani sotto i 30 anni che condividono la visione di un sistema alimentare che supporta le economie locali, rispetta l'ambiente, la biodiversità, il gusto e la tradizione.

     

  • 15 dicembre 2019 - La campagna StopTratta è indirizzata a giovani a rischio migrazione irregolare (potenziali migranti e migranti di ritorno) e nell'anno che si sta per chiudere tra studenti, giovani vulnerabili e cittadinanza il messaggio è arrivato a più di 10mila persone. StopTratta è un programma multipaese portato avanti da VIS e Missioni Don Bosco in Africa Est e Ovest e si compone di due fasi: l'informazione sulla tratta di esseri umani e le proposte di sviluppo in loco per proporre alternative alla migrazione irregolare.

     

  • 28 novembre 2019 - I soccorritori e l'esercito hanno da poco terminato un instancabile lavoro di ricerca sotto le macerie a Thumane e Durazzo in seguito alla forte scossa di terremoto che ha colpito l’Albania ieri notte. Le vittime ad oggi sono 46, oltre a 700 feriti, mentre migliaia di famiglie non possono rientrare nelle loro case. I danni si sono registrati in molte città: oltre Durazzo e Thumane, anche a Kruje, Lezhe, Tirana, Lac, Lushnje e Fier.

     

    Le autorità hanno schierato forze armate e di polizia per sostenere gli sforzi di soccorso e il governo ha attivato rifugi di emergenza. Il sostegno alimentare e i kit per l’igiene sono i bisogni più urgenti e, poiché l’inverno è già arrivato, anche la disponibilità di coperte.

     

    Anche gli altri Stati stanno fornendo supporto, tra cui Italia, Grecia, Kosovo, Romania, UE.

    La protezione civile sta allestendo:

    • 3 centri di alloggio a Tirana

    • 3 centri di alloggio a Shijak - Durazzo

  • 27 novembre 2019 – Irene Paviotti è partita per il Ghana per due mesi, grazie al Charity Work Program dell’Università Cattolica di Milano, dove studia Economia dello Sviluppo. Nelle righe che seguono il racconto della sua esperienza:

     

    “Fare un’esperienza in un Paese in via di sviluppo era inevitabile nel percorso di studi che ho scelto – per verificare che le nozioni apprese dai libri avessero un riscontro effettivo nella realtà e che una carriera nell’ambito dello sviluppo fosse davvero uno scenario possibile per me.

  • 20 novembre 2019 - Oggi si celebra il trentesimo anniversario della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC). In Palestina, per ricordare questo importante traguardo nella tutela e nella promozione dei diritti, il VIS ha organizzato un seminario che riassume i risultati del progetto Child Friendly School, realizzato in collaborazione con Action Against Hunger, Guidance and Training Center for Childhood and Family, Red Noses e Yes Theater e finanziato dall’AICS.

     

  • 18 novembre 2019 -  La settimana scorsa in Albania, alla presenza del Direttore AICS, Luca Maestripieri in visita a Tirana, gli Agenti di Sviluppo Locale di quattro ONG italiane, che lavorano da anni in Albania, hanno presentato la propria figura professionale. 

    Per il VIS ha preso la parola Drita, che lavora come Agente di Sviluppo Locale dal 2011, indossando durante l'evento gli abiti tradizionali del Kelmend, sua regione d’origine, e ha raccontato la sua storia di crescita personale e professionale a favore dello sviluppo del territorio e a fianco delle comunità locali del Nord Albania.

     

  • 7 novembre 2019 - Grazie al progetto Vamos Juntos, cofinanziato dall’Unione Europea, in Angola è stato istituito l’anno scorso il Fondo di Aiuto alle Famiglie.

    Si tratta di un sussidio economico erogato alle famiglie degli ex bambini in situazione di strada, che sono stati reinseriti nel proprio nucleo d’origine. Obiettivo finale di questo Fondo è evitare il fallimento della riunificazione familiare e il conseguente ritorno dei bambini in strada.

    Nel 2019 hanno potuto beneficiare del fondo 14 famiglie, accompagnate da tre diverse organizzazioni, che hanno ricevuto borse di studio per i figli per corsi professionali e in alcuni casi un sussidio per ristrutturare e migliorare la propria abitazione.

Pagine