Salta al contenuto principale
"Skilling Eco-VET” e “Smart Step”, due nuovi progetti Erasmus Plus

Ad aprile si sono tenuti, ad Accra, i kick off meeting di due nuovi progetti Erasmus Plus, “Skilling Eco-VET” e “Smart Step”, il cui obiettivo è incentivare la creazione di un ambiente favorevole p

“FANTAA”, un gruppo di interesse economico per la dignità e la salute delle donne

In molti Paesi, l'impatto dei pregiudizi sulle mestruazioni è ancora molto forte.

Al via un progetto di emergenza per combattere l'insicurezza alimentare e lavorativa in Senegal

Nell’ambito del progetto AID12289, finanziato dall'AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo) nel quadro dell’emergenza alimentare in Senegal e

“I-LEAD”: il nuovo progetto per migliorare la parità di accesso alla formazione professionale e al mercato del lavoro in Etiopia

Il 1° aprile 2023, presso il Robi Hotel di Adama, è stato lanciato il nuovo progetto triennale “I–LEAD: Inserimento Lavorativo attraverso Educazione Accessibile e Digitalizzazione”, un progetto che

Si è concluso il progetto Child Friendly Schools

Il 28 febbraio si è conclusa la terza fase del programma di interventi integrati atti a rafforzare la resilienza della popolazione palestinese più vulnerabile e rendere le scuole un ambient

Agente di Sviluppo Locale: la nuova figura professionale riconosciuta in Albania

Il 15 febbraio, all’Università Agraria di Tirana ha avuto luogo la cerimonia di consegna ufficiale degli attestati per i 19 partecipanti al primo corso pilota per la figura professionale de

A scuola anche con il ciclo: percorsi di sensibilizzazione con il progetto “Education is the Passport of the Future!”

Durante la lezione di matematica, da ragazzo, Enoch (nome di fantasia) era solito sbeffeggiare una compagna di classe durante il periodo delle sue mestruazioni.

R.D. Congo: aggiornamenti dal campo di Ngangi.

Continuano i combattimenti tra i ribelli dell’M23 e l’esercito congolese nell’est della Repubblica Democratica del Congo.

Si è concluso il progetto “Start Your Business!”

Presso l’Università di Betlemme si sono da poco concluse le celebrazioni in occasione della seconda edizione dello “Yunus Social Business Festival”, dedicato alla diffusione del concetto di imprend

Hanna

"Mi chiamo Hanna, ho 32 anni e vengo dalla città di Lysychansk nella regione di Lugansk.

La guerra ci ha colto inaspettatamente il 24 febbraio verso le 5-6 di mattina. Gli adulti si stavano preparando per andare a lavorare e i ragazzi a scuola. Abbiamo sentito due potenti esplosioni e all’inizio non avevamo capito cosa stesse succedendo.

Non pensavamo ad una nuova guerra, ma verso le 9-10 di mattina i mezzi di trasporto pubblico si sono fermati e poco dopo è stata trasmessa l’informazione che confermava l’inizio della guerra.

Siamo riusciti ad andare via da Lysychansk solo ad aprile. Fino ad allora siamo rimasti chiusi in casa. Insieme con gli altri abitanti abbiamo costruito un rifugio antiaereo dove avevamo portato vestiti, acqua ed elettricità, poltrone e letti per non far dormire i ragazzi per terra.

Dato lo scoppio inaspettato della guerra non c’era nessun piano di evacuazione pronto. La gente andava via per conto proprio. Poi si sono iniziati ad utilizzare i treni ma ci volevano quattro ore per arrivare alla stazione dalla nostra casa e con i miei figli e la nonna il viaggio non era sicuro.

Dopo un po’ di tempo hanno distrutto la ferrovia ed hanno iniziato ad usare i pullman per evacuare le persone. Questo significava fare nuove file e tre ore di cammino per arrivare al luogo dell’evacuazione, che non era sempre garantita a causa dei potenti bombardamenti. Rimanevamo a casa in attesa del momento giusto per andare via. Avevamo terminato anche le medicine; io con il diabete di tipo 1 non riesco a sopravvivere a lungo senza insulina. Non potendo i volontari trasportare medicine di quel genere, abbiamo deciso di scappare.

Avevamo prenotato un taxi, ma quando eravamo in procinto di partire un’amica mi chiamò per dirmi che il punto d’evacuazione era stato bombardato.

Per la seconda volta eravamo rimasti bloccati. Dopo qualche giorno, ci ha telefonato un’amica di mia mamma che era da due settimane a Dnipro e si offrì di contattare dei volontari che raccoglievano soldi e organizzavano l’evacuazione da Lysychansk con macchine private.

La mattina seguente siamo partiti verso mezzogiorno. Durante il viaggio a Dnipro, che è durato 7-8 ore, vedevamo tanti pullman e macchine distrutte dal conflitto a fuoco. Siamo rimasti a Dnipro un paio di settimane prima di proseguire il viaggio.

Da lì con il treno siamo arrivati a Leopoli perché una nostra amica ci aveva detto che i Salesiani accoglievano i rifugiati dall’est. E così siamo arrivati a casa Don Bosco dei Salesiani. Dopo qualche giorno ci hanno detto che a Leopoli avevano costruito un altro campo dove ci siamo trasferiti a maggio.

Da quando siamo arrivate al campo io e Natalya lavoriamo in cucina distribuendo il pranzo e nel tempo libero lavoriamo con i ragazzi per distrarli un po’. Grazie al dipartimento dell'educazione e a Don Andriy, abbiamo creato il primo gruppo in Ucraina per i figli degli sfollanti interni. Il gruppo si chiama “Piznayko” e i ragazzi si trovano dalle ore 9 fino alle 13.

Ringraziamo tantissimo i Salesiani per l’aiuto perché il nostro Paese ne ha tantissimo bisogno e speriamo che la guerra termini il più presto possibile."

Mariapolis è una cittadella modulare allestita dal Comune di Leopoli grazie alla collaborazione dei Salesiani di Don Bosco e al sostegno del governo polacco per accogliere gli sfollati di guerra. È sostenuta grazie al contributo degli enti salesiani italiani attivi nella solidarietà internazionale e al cofinanziamento dell'Agenzia Italia Cooperazione allo Sviluppo con il progetto "Iniziativa di emergenza a sostegno della popolazione colpita dalla crisi in Ucraina.

Iscriviti a Dal campo