Salta al contenuto principale
Anno avvio attività nel Paese: 2002
Anno riconoscimento governativo: 2010
Operatori espatriati nel 2019: 1

R.D.Congo

Siamo presenti nel Paese dal 2002, lavorando a Goma e Shasha nel Nord Kivu, a Nyangoma in Sud Kivu e a Mbuji Mayi nel Kasai Orientale. Zone di guerre decennali con effetti disastrosi su sicurezza, istruzione, diritti umani, salute e cibo.

Nella Repubblica Democratica del Congo collaboriamo da sempre con il partner locale Salesiani di Don Bosco e con numerose altre associazioni della società civile locale ed il nostro punto di forza nel Paese è il settore della formazione professionale.

Grazie a finanziamenti pubblici e privati siamo intervenuti nei seguenti Settori d’intervento:

 

1. Child and youth protection

Abbiamo realizzato campagne di sensibilizzazione, indirizzate ad adulti e bambini, riguardo il diritto di protezione dei bambini e l’accesso alla scuola delle bambine, permettendo di raggiungere minori in situazione di estrema vulnerabilità. Grazie ai nostri progetti centinaia di bambini, bambine, adolescenti e giovani vulnerabili sono stati raggiunti dai servizi di protezione e reintegrazione familiare e numerosi operatori sociali hanno acquisito maggiori competenze socio-educative.

2. Educazione, formazione e inserimento socio-professionale

La formazione professionale ed i processi di inclusione socio-lavorativa rappresentano il punto di forza dei nostri progetti nella Repubblica Democratica del Congo. L’obiettivo è quello di contribuire alla prevenzione dell’esclusione sociale dei giovani attraverso la formazione professionale, con particolare attenzione alle ragazze, promuovendo il loro inserimento nel mondo del lavoro. Abbiamo allargato fin da subito il nostro raggio d’azione anche al Kasai Orientale, a Mbuji-Mayi a supporto della comunità salesiana locale del centro Don Bosco, in un contesto molto difficile marcato da uno dei tassi di disoccupazione più elevati dell’intero continente.

Nell’area di Shasha abbiamo accompagnato agricoltori e allevatori attraverso formazioni su nuovi prodotti agricoli, trasformazione alimentare e nuove tecniche di allevamento e coltivazione. Moltissimi agricoltori hanno ricevuto formazione anche sui passaggi legali necessari alla costituzione di cooperative.

3. Rafforzamento delle Organizzazioni della società civile e degli altri attori di sviluppo

Grazie al nostro intervento operatori delle OSC che si occupano di protezione dell’infanzia, agricoltura e formazione professionale hanno visto migliorate le loro capacità di gestione e di servizi ai beneficiari.

Abbiamo contribuito alla costituzione di un comitato misto e congiunto (COMIDAFE) che riunisce imprenditori, centri di formazione e autorità statali della città di Goma. Tale partnership pubblico-privata ha avuto come obiettivo quello di mettere in collegamento i centri formativi e le imprese in modo da aumentare le opportunità lavorative per i giovani vulnerabili. Stiamo lavorando per rinforzare e rendere autonomo il lavoro del COMIDAFE.

Inoltre, promuoviamo eventi per sensibilizzare e rafforzare i rapporti tra OSC e attori di sviluppo, quali giornate “a porte aperte”, ad esempio quella al Centro Don Bosco Ngangi che ha coinvolto di 15 associazioni delle città di Goma. Il tema trattato è stato: “Formazione professionale: la nostra missione, la nostra vocazione” grazie all’evento le ONG, le aziende, gli enti statali, i rappresentanti di altri centri professionali, i genitori degli studenti e i privati cittadini, più di 500 persone hanno visitato l’esposizione e sono stati sensibilizzati sul tema.

Obiettivi futuri

A fronte del lavoro svolto negli ambiti della formazione professionale, protezione dell’infanzia e del settore agricolo, puntiamo, inoltre, al rafforzamento della visibilità, l’apertura ai nuovi partenariati e quindi ad un’espansione della progettualità in tali settori attraverso la formazione ed accompagnamento del personale locale. Vogliamo ampliare il nostro lavoro di rete in ambito Child and Youth Protection, soprattutto per quello che riguarda le ragazze minori in situazione di vulnerabilità (ragazze vittime di violenza e abusi e ragazze madri).

Priorità tematico settoriali ed Emergenza

Capacity Building
Educazione e Formazione Professionale
Protezione dell'Infanzia